Azioni Integrate per lo Sviluppo Sostenibile del Veneto

Tutti i video del convegno su Youtube

Il 9 marzo 2018 si è tenuto l’incontro promosso da Veneto Responsabile  e il Centro Interdipartimentale Studi Regionali Giorgio Lago (CISR) dell’Università degli Studi Di Padova (UNIPD) per discutere, insieme ad importanti personalità del mondo Accademico e delle Organizzazioni, sull’idea di un sistema integrato di politiche e interventi per lo sviluppo del territorio.

Obiettivo dell’incontro, cercare di creare le premesse per un Piano Integrato di Azioni Positive per lo Sviluppo Sostenibile del Veneto in considerazione anche degli obiettivi di sviluppo sostenibile – Sustainable Development Goals (SDGs) – dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per una visione del Veneto che vorremmo.

Le priorità affrontate durante l’incontro sono state:

Mettere al centro dello sviluppo i territori e le persone, abbandonando l’approccio settoriale che produce interventi frammentati, spesso disarticolati e di breve periodo, incapaci di cogliere la complessità dei processi di sviluppo e la necessità di raccordarli e implementarli con competenze trasversali. (link Youtube intervento del Prof. Franco Mosconi – UNIPR)

Valorizzare in questa nuova prospettiva il ruolo cruciale dell’impresa e della responsabilità sociale. (link Youtube intervento del Prof. Paolo Gubitta – UNIPD)

Sviluppare un’economia circolare per generare bene comune. Un’idea responsabile di economia all’interno di uno spazio operativo sicuro. (link Youtube intervento di Donato Speroni – ASviS)

Non si tratta più, quindi, di optare per visioni “storiche” in alternativa (ad es. statalista v/s capitalista o v/s ambientalista) ma di far confluire le risorse verso una realtà polifonica ma  integrata, circolare, responsabile e sostenibile, capace di risolvere i problemi per tutti.

In questo contesto, il convegno parte dalle criticità esistenti (link Youtube intervento di Silvia Ranzato di Veneto Responsabile al video INTRO min 10:24) per passare a proporre spunti di riflessione capaci di coniugare i temi della responsabilità sociale e della sostenibilità; (link Youtube intervento del Dott. Luciano Gallo – Direttore dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane) di offrire un’opportunità per raccontare esperienze di governance che si stanno dimostrando efficaci in diversi contesti territoriali; (link Youtube intervento di Franco Balzi – Sindaco di Santorso, Vicenza) di offrire modelli coordinati, innovativi (link intervento di Andrea Cereser – Sindaco di San Donà di Piave, Venezia)e capaci di dare risposte alle nuove sfide economiche, sociali (link Youtube intervento di Giulia Houston – Progetto Quid) e di salvaguardia dell’ambiente. Si vogliono, inoltre dare contributi per sviluppare la consapevolezza che nel territorio veneto quel business as usual (ossia dal come sempre si è fatto) è ormai superato (link Youtube intervento Marta Zordan – di Zordan sb srl) e che è necessario guardare avanti con inventiva e creatività responsabili, individuando un sistema adeguato ad un vivere presente e futuro sostenibile per la comunità veneta.

Scopo principale di tutti gli interventi proposti sarà quello di contribuire a costruire un Piano Integrato di Azioni Positive per lo Sviluppo Responsabile e Sostenibile del Veneto, ovvero un sistema integrato di politiche e interventi coordinati tra loro caratterizzato da una forte e condivisa vision del suo territorio; da una pianificazione di obiettivi di lungo periodo, da una mission articolata nei diversi livelli di governance e declinata in interventi e azioni specifiche e strutturali per dare forma al “Veneto che vorremmo”. (link Youtube intervista a Franco Mosconi, Giulia Houston)

Il Piano Integrato dovrà essere completato con la partecipazione attiva di cittadini e cittadine, il mondo delle imprese, il mondo cooperativo e quello not-for-profit, le istituzioni di governo locale e la Pubblica Amministrazione. (link Youtube intervista a Patrizia Messina, Benedetto Gui , e Donato Speroni Il tutto in un’ottica di sussidiarietà circolare.

Veneto Responsabile, in accordo e in collaborazione con i suoi associati, propone che la vision di fondo sia in linea con il concetto di Responsabilità Sociale d’Impresa e gli obiettivi di sostenibilità sociale, ambientale, economica e politica-istituzionale (link Youtube intervista a Riccardo Milano Presidente di Veneto Responsabile), così come chiedono l’Agenda 2030 e i 17 Sustainable Development Goals (SDGs) proposti dalle Nazioni Unite e sottoscritti anche dall’Italia.

Una volta definito il Piano Integrato, ogni soggetto potrà pur agire nel suo contesto di riferimento con il suo ruolo specifico, ma in una convergenza di obiettivi e strategie comuni; operando, di conseguenza, scelte e azioni coerenti con la programmazione generale ed in grado di ampliare la portata delle azioni di tutti.

Come Veneto Responsabile (link intervento di Riccardo Milano Presidente di Veneto Responsabile) crediamo, infatti, che solo tramite un programma comune, chiaro, condiviso e adeguatamente comunicato, si possa rafforzare il ben-essere, la coesione sociale e la crescita del Capitale Umano, dell’Impresa e del Territorio Veneto.